Archivio per marzo, 2014

La Meraviglia Quantistica

Pubblicato: 12 marzo 2014 in Pensieri Astratti

Breve riflessione maturata su anobii.

Perché amo la Fisica, perché vorrei riavvolgere il nastro e iscrivermi al politecnico, seguendo gli insegnamenti del più grande FILOSOFO (premio Nobel per la Fisica, Richard P. Feynman).

Perché?

Ecco…

…Oggi, quando leggo di entaglement quantistico, provo un brivido alla spina dorsale. Pensare che due particelle che abbiano interagito fra loro per una frazione di tempo talmente breve che la nostra mente non riesce nemmeno a concettualizzare, e che si influenzino vicendevolmente anche a distanze di parecchi anni luce scambiandosi l’informazione istantaneamente (violando in questo modo il principio che nulla può viaggiare più velocemente della luce, nemmeno l’informazione quantistica) modificando specularmente il loro comportamento, be’, io sento puzza di divino, di mistico, di “degno d’essere ammirato, studiato, vangato e specialmente compreso”.
Questo mi affascina, mi prende e mi trascina sempre di più. La domanda che tutti i filosofi si sono sempre posti, senza mai arrivare a una risposta esauriente, PERCHE’ ESISTIAMO? secondo me andrebbe rivista. Dopo le mie letture di Fisica oggi preferisco chiedermi: PERCHE’ UN PRINCIPIO DI INDETERMINAZIONE? Credo che la fisica “volontariamente” abbia gettato un velo sulla nostra capacità di trovare delle risposte. Le leggi fisiche hanno una volontà propria, ci ingannano volutamente, ci prendo per il culo e ridono di noi. I fucking love them.
Questo alla fine è il mio rimpianto: non potere partecipare a questa “quest” fisico/filosofica.