Ghedaffi, le lacrime e i tagliagole

Pubblicato: 21 ottobre 2011 in Scritti
Tag:

Ho appena visto il video in cui Ghedaffi, pochi attimi prima di essere ucciso, si asciuga le lacrime con il palmo della mano, mentre i ribelli liberatori e pacificatori della nazione, lo colpiscono con schiaffi sul volto insanguinato e pugni sul capo.
Meritava la morte Ghedaffi?
Sì. Meritava di morire.
Meritava lo scempio che di lui ne è stato fatto?
No. Non lo meritava. Né lui né nessun essere umano.
Era in stato confusionale, ferito, sanguinante, inerme. È stato pestato. È stato deriso. Ghedaffi non era una brava persona. Il volo Pan-Am, i civili di Misurata, di Tripoli e della Cirenaica, morti all’inizio della rivoluzione sotto i colpi delle sue truppe lealiste, sono lì a testimoniarlo. Ghedaffi era un criminale, un pazzo; meritava la morte: ma non quella. Ghedaffi era sotto un certo punto di vista il male, ma era anche un essere umano.
I rivoluzionari/ribelli che l’hanno linciato non sono certo migliori di lui. Non lo sono nemmeno dopo aver reso un servizio al loro paese, liberandolo da un dittatore folle che li ha vessati e tenuti nell’ignoranza per oltre quarant’anni.

Un tagliagole rimane un tagliagole anche se eroe rivoluzionario. 
Qui il video

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...