Archivio per gennaio, 2011

>

Un libraccio!

L’autore cade nel ridicolo sovrapponendo i moderni Stati Uniti all’Impero Romano.
La sua pochezza della storia di Roma è disarmante.
Gli spunti sarebbero anche intelligenti, peccato che scrivendo di Roma pensi a Washington.
Assolutamente da evitare.
 La storia di Roma, la storia militare, è ben altro.

Annunci

>

La Fattoria degli animali è un libro che tutti dovrebbe aver letto almeno una volta nella vita – soprattutto in quest’era di riavvolgimento e di imbarbarimento. Quanto semplice vedere nei maiali del libro i furbetti di quartiere d’oggigiorno. Orwell scrisse la Fattoria degli Animali avendo bene in mente l’Unione Sovietica di Stalin. Noi oggi potremmo vederci (forse persino meglio) l’Italia di Berlusconi – sinceramente, però, ogni cultura potrebbe vederci qualcosa riferito alla propria classe politica, ai propri governanti.
La Fattoria degli Animali tratta una tematica antichissima: la sopraffazione dei semplici tramite la demagogia. Promettere un bene – da raggiungere dopo grandi sacrifici – passandolo per una necessità collettiva, benché questo non sia altro che un bene realmente utile a pochi.
Vietare qualcosa d’altro, ma permetterlo a pochi. Inculcare nelle menti dei tanti, dei semplici, il culto del leader, e della casta; spingere il popolo a credere che il suo bene è indissolubilmente legato al bene di chi lo guida; indurre al sacrificio comune per il bene di pochi.